Autori Online - Gruppo Cultura Italia

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

Fondazione

Ippolito e Stanislao Nievo

 

 

Associazione

Giuseppe Jovine

 

 

Universitas

Montaliana di Poesia

 

Fondazione

Etica ed Economia

 

Fondazione

Rita Levi Montalcini

 

 

Alexander Palace

Museum

 

 

Caffè Letterario Roma

 

 

Futurarte

 

 

Associazione per la tutela

degli autori di opere dell'ingegno

 

 

Hexcogito

Società Information Technology

 

 

Unesco

 

 

Ministero dei Beni e delle

Attività Culturali e del Turismo

 

 

Ministero dell'Istruzione

dell'Università e della Ricerca

 

 

Società Italiana

Autori Editori

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 

 

Gruppo Cultura Italia nasce nel 2005 da un’idea del grande scrittore Stanislao Nievo che, dopo il successo dei suoi Parchi Letterari, costituì una Consulta di autorevoli intellettuali ed artisti per dare impulso ad una nuova “vision” della cultura. Dopo la morte di Nievo, il progetto verrà continuato dai suoi più stretti collaboratori, dando vita nel 2009 ad Autori Online e, nel 2014, ad Orbisphera, social network a vocazione culturale.

 

Clicca sul logo e vai al social network Orbisphera è

 

 

 

L’idea romantica dell’autore che muore di fame non è più compatibile con la moralità e il costume del nostro tempo.

In una società che si definisce “della comunicazione”, non è più accettabile che gli autori di opere dell’ingegno – che di tale “comunicazione” forniscono sovente l’indispensabile “materia prima” – godano di scarsa considerazione per quanto concerne la tutela dei loro diritti.

Diritti che sono sia d’ordine patrimoniale che di natura morale (diritto di paternità, diritto di divulgazione, diritto al rispetto dell’opera), e che riconducono tutti al nucleo centrale del Diritto d’Autore, moderno istituto di libertà a garanzia dell’indipendenza e dell’autonomia creativa.

Ma per conquistare agli autori una dignità sociale commisurata alla loro funzione – quella funzione riconosciuta dalla Costituzione italiana e dai trattati internazionali in ordine alla libertà di pensiero e allo sviluppo della cultura, ma tuttora debole e latitante nella percezione collettiva – occorrono strumenti concreti. Strumenti che siano in grado di conferire agli autori un’identità sociale riconoscibile e definita. Non in quanto individui (pur nella consapevolezza che l’individualità costituisce, per ogni autore, la molla irrinunciabile della sua vocazione creativa), ma in quanto appartenenti ad una “categoria” sociale portatrice di istanze e diritti.

L’Albo degli Autori e Artisti Interpreti costituisce, appunto, uno di questi strumenti.

Oggi, finalmente, a compimento di un percorso attuativo lungo e complesso, l’Albo può dirsi realtà, grazie alle sinergie sviluppate nell’ambito delle associazioni aderenti a Gruppo Cultura Italia. Con il patrocinio morale di autorevoli personalità e istituzioni, e un Regolamento che circoscrive lucidamente gli scopi culturali e sociali dell’iniziativa.

Con l’obiettivo di “far emergere” una categoria del lavoro intellettuale – qual è, appunto, l’attività di autore – caratterizzata da una invisibile osmosi fra valenza professionale, passione creativa, spirito amatoriale e responsabilità informativa. Una categoria che, al pari di ogni altra, è portatrice di istanze e diritti che devono poter essere proposti ed affermati nella dialettica della “competizione” sociale. Pena la condanna alla irrilevanza e marginalizzazione che – ancorché riguardare soltanto gli autori – finirebbero per danneggiare la collettività intera, sempre più povera di “anticorpi” contro l’avanzare incontrastato della passività e dell’omologazione.

 

 

 

Maria Luisa Spaziani

 

 

 

 

 

 

 

Le aree tematiche del social network Orbisphera.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

www.orbisphera.com